Precedente
Successivo

MUSEO CAMBELLOTTI

Un luogo di cultura e creatività condivisa: il laboratorio del sapere della Città di Latina

 

Il museo è al momento chiuso per interventi di riallestimento. La nuova apertura è prevista per il mese di Maggio 2021.

Info utili

Il Museo Cambellotti su sfondo azzurro

IL MUSEO

Nella struttura dedicata a Duilio Cambellotti le opere del poliedrico artista si uniscono a innovativi spazi dedicati alla cultura dell’Agro Pontino

LA STORIA

Dal momento della sua costruzione, nel 1932, come Opera Balilla della nuova città di Littoria, l’edificio progettato dall’architetto Oriolo Frezzotti ha mantenuto attraverso le generazioni un rapporto privilegiato con la cittadinanza che lo ha portato a essere un punto di riferimento per le attività culturali della provincia.

Approfondisci

LE SALE

La straordinaria collezione di opere di Duilio Cambellotti in un nuovo allestimento permanente, incentrato sugli aspetti estetici e sociali della produzione dell’artista, costituisce il fulcro attorno a cui ruotano spazi riservati all’approfondimento della storia e della cultura dell’Agro Pontino e delle Città di Fondazione.

Approfondisci

LE COLLEZIONI

Le opere di Duilio Cambellotti, scultore, pittore, illustratore, scenografo, grafico e designer. La nascita e la progettazione della Città Nuova nei disegni originali di Oriolo Frezzotti. I fondi fotografici dedicati alla Bonifica Integrale e alle origini della città

CENTRO DI DOCUMENTAZIONE

Un luogo in cui raccogliere in maniera organica e mettere a disposizione della comunità e degli studiosi il consistente patrimonio relativo alla storia del territorio, in accordo con il nuovo Sistema integrato delle Città di Fondazione e dell’Agro Pontino e Romano.

SISTEMA INTEGRATO CITTA’ DI FONDAZIONE

Latina, Aprilia, Colleferro, Guidonia Montecelio, Pomezia, Pontinia e Sabaudia: sette Città di Fondazione decidono di mettere in comune le loro risorse per raggiungere obiettivi condivisi seguendo un’unica strategia.

ITINERARI TURISTICI

I percorsi dell’Agro Pontino tra preistoria e Città Nuove: un’offerta che va dall’ospitalità delle strutture ricettive alle esigenze di mobilità del visitatore.